Supercoppa, il clamoroso scenario minacciato dal Milan

Il Milan è pronto a non giocare la finale di Supercoppa italiana per protesta. Ai rossoneri non è andato giù il ritardo forzato con cui arriverà a Doha la truppa di Vincenzo Montella. Un guasto aereo ha di fatto cancellato il volo previsto per oggi, facendo saltare tutti i programmi già fissati. La squadra era in aeroporto ed ha dovuto far ritorno a Milanello in fretta e furia per non perdere un giorno di allenamento. In condizioni climatiche completamente differenti rispetto a quelle che troverà a Doha

Imbufalito l’amministratore delegato rossonero Galliani ai microfoni dell’ANSA: “Abbiamo subito un danno sportivo non quantificabile. La Juve è già arrivata al caldo e domani si allenerà con venti gradi in più di quelli che ci sono a Milanello. Noi arriveremo di notte e potremo fare solo la rifinitura della vigilia”. Secondo quanto trapelato, il Milan s’è detto pronto a non giocare per protesta nel caso in cui la partenza per Doha dovesse ulteriormente slittare. Seguiranno aggiornamenti.