Il rifiuto di Nedved all’Inter? Agnelli gli disse “Vai pure”, decisione presa in una notte

Pavel Nedved è tornato a parlare del curioso episodio relativo all’estate del 2009, quando Josè Mourinho, allora allenatore dei nero-azzurri, lo chiamò e gli chiese di raggiungerlo all’Inter per vincere la Champions League.

“Mi piacerebbe che tu venissi all’Inter, insieme potremo vincere tutto“. Nedved ne parlò con Andrea Agnelli che disse: “Vai pure”, qualcuno però all’interno della società gli confidò: “Pensaci, se vai mi spezzi il cuore”.

Nedved: “Mai avrei potuto tradire la Juve, non mi sono pentito della scelta fatta”.

Nedved ci pensò una notte e poi decise di comunicare a Mou la sua decisione di non accettare: “Lo avrei raggiunto in qualsiasi altra squadra, ma non all’Inter. Non potevo tradire la Juve. Mi ha fatto piacere che Moratti e Mourinho mi volessero, pensando che ero ancora utile come giocatore, ma non potevo mai accettare. Non mi sono pentito di quella scelta”.