Italia

Nazionale, Ventura sempre più solo: ecco cos’è successo

L’Italia è aritmeticamente ai playoff per accedere ai mondiali in Russia in programma nel 2018, ma non per meriti propri. Gli azzurri devono ringraziare il Belgio che, battendo la Bosnia a Sarajevo, ha dato il pass agli uomini di Ventura per entrare con certezza nel lotto delle migliori seconde che accedono all’ultimo step per imbarcarsi verso la fredda Russia.

Crisi Italia, assemblea dei giocatori senza Ventura

Insomma, c’è poco da gioire e festeggiare, ancor più dopo la figuraccia di Torino contro la modesta Macedonia. Qualcuno, i più pessimisti per intenderci, s’interrogano sull’opportunità di andare in Russia con una Nazionale evidentemente non all’altezza della situazione. L’importante è comunque andarci, anche perché gli azzurri solitamente nelle occasioni che contano sanno trasformarsi. Ma bisogna chiarire alcuni aspetti fondamentali, in particolare quelli legati alla conduzione tecnica di Giampiero Ventura. C’è il dubbio, infatti, che il tecnico genovese sia stato delegittimato dallo spogliatoio. In particolare dai “senatori”.

La Gazzetta dello Sport riporta uno scottante retroscena. Gli uomini più rappresentativi della Nazionale, infatti, avrebbero indetto un’assemblea con tutti i calciatori convocati per discutere della crisi ed individuare vie d’uscita. Nel mirino in particolare il sistema di gioco. Tutto giusto, se non fosse che Ventura ed il suo staff siano stati lasciati fuori la porta. Un faccia a faccia tra i calciatori senza l’allenatore. Un segnale di sfiducia da parte del gruppo verso un tecnico che sta dimostrando, ogni giorno che passa, di essere sempre più inadeguato al prestigioso incarico commissionatogli. Ma nell’Italia in cui l’assunzione di responsabilità è per pochi, bisognerebbe anche individuare chi e perché ha scelto Ventura. Tavecchio in primis, ma  anche il suo ex braccio destro Claudio Lotito.