Calcio Napoli, Sarri punta il dito contro il terreno di gioco della Spal: “è una vergogna”

Maurizio Sarri ha trovato il colpevole (come capita spesso) dell’infortunio di Milik. L’allenatore del Napoli prima congeda il suo calciatore “ci dispiace, ma tornerà più forte di prima, ne sono sicuro” per poi trovare il “colpevole” di questo spiacevole infortunio: “Nessuno dei giornalisti e delle Lega ha puntato l’indice contro un terreno di gioco indegno per la massima serie del campionato italiano. Il terreno è lo strumento più importante di quest’attività, se fatturi due miliardi l’anno non puoi avere un terreno schifoso, è INDEGNO.”

Verso il Feyenoord, Sarri commenta cosi il secondo turno di Champions

Sarri ha avuto il tempo di parlare in conferenza stampa, oltre che dell’infortunio di Milik, anche della prossima partita di Champions: “Niente prove, non abbiamo il tempo di farle. Purtroppo giochiamo ogni 70 ore e non c’è modo di lavorare. Si deve riformare il calendario le nazionali rubano i calciatori 33 giorni su 90, noi come lavoriamo? Il lavoro ai nostri livelli non esiste più per questo gli allenatore parlano solo di mercato…”