News Napoli

Napoli, Insigne accusa la Juve: “Chiedono ai giocatori di buttarsi sempre a terra”

Un chiodo fisso, un’ossessione. La Juventus lì a portata di mano eppure irraggiungibile negli ultimi due anni. Straordinari per il Napoli dal punto di vista del gioco espresso e della crescita collettiva, ma chiusi con un laconico zero alla voce trofei. Un secondo ed un terzo posto non bastano per appagare la fame di successi di una piazza ormai all’asciutto da tanti anni. E’ sempre la Juve nei pensieri del Napoli. Proprietà, allenatore, tifosi ed ovviamente giocatori.

E’ Lorenzo Insigne a rifilare autentiche bordate ai colleghi bianconeri. Sotto accusa l’atteggiamento catenacciaro adottato dalla Juventus nell’ultima sfida di campionato al San Paolo: “A volte ci danno tremendamente fastidio determinati atteggiamenti, come buttarsi sempre a terra e perdere tempo. Probabilmente sono frutto di richieste esplicite della loro società. Noi pensiamo a prepararci bene già in ritiro, vogliamo continuare ad esprimere un bel calcio”.

Sullo scudetto: “E’ un sogno che abbiamo tutti, tifosi e calciatori. E’ presto per parlarne, ma quest’anno vogliamo raggiungere risultati importanti”. Sulla stessa lunghezza d’onda il compagno Allan: “Pensiamo partita per partita, lo scudetto si vince avendo continuità soprattutto quando si gioca con le piccole squadre”.