Milan, bordate da Carlos Bacca: “Ho giocato nella squadra più scarsa della storia”

Carlos Bacca torna ad affrontare l’argomento Milan a distanza di qualche mese dal suo traumatico addio ai rossoneri, maturato per precisa volontà dell’allenatore Vincenzo Montella che non lo ha mai ritenuto adatto alla sua tipologia di gioco. Il colombiano ci va giù pesante nell’intervista concessa a ‘W Radio Colombia’ in cui ha analizzato il biennio in maglia rossonera. Partendo da un dato di fatto.

“Ho giocato nel Milan peggiore della storia – il duro sfogo di Bacca, attualmente al Villareal in Spagna – Nonostante ciò sono soddisfatto per quanto fatto sul piano personale, ho raggiunto l’obiettivo che mi ero prefissato quando decisi di lasciare il Siviglia, vale a dire andare sempre in doppia cifra e riportare il club in Europa”.

Ancora Bacca: “Si poteva fare meglio, ma serviva l’aiuto della dirigenza. Dopo trentuno anni Berlusconi aveva deciso di vendere la società ed è subentrato un nuovo management. Con loro e con l’allenatore avevamo idee diverse, l’addio è stato inevitabile ma l’ho fatto a testa alta perché consapevole di aver dato il mio contributo al ritorno del club in Europa“.