Juventus, Allegri sulla finale di Champions: “Ecco cosa non rifarei”

“Se potessi tornare indietro…”. Massimiliano Allegri ripensa alla maledetta finale di Cardiff quando i sogni bianconeri si sono infranti, sgretolati in quarantacinque minuti da incubo in cui il Real Madrid ha letteralmente passeggiato sui bianconeri. Una superiorità netta, schiacciante, che però ha una sola ragione: i problemi fisici accusati da diversi calciatori bianconeri.

Juve news – interessante intervista ad Allegri

Tasto su cui il tecnico bianconero preme nuovamente in una lunga ed interessante intervista concessa al giornalista Paolo Condò di Sky Sport: “Potessi tornare indietro, all’intervallo avrei fatto due o tre sostituzioni. Era impossibile in quel momento farlo perché in una finale si pensa anche ad eventuali supplementari. Avevo però Pjanic con un ginocchio a pezzi e Mandzukic con la caviglia gonfia. Li ho rimandati in campo, sperando reggessero almeno venti minuti. Già negli ultimi cinque minuti del primo tempo il Real aveva preso il sopravvento”, spiega Allegri.

“Avevano paura di prendere gol, ma quando hanno visto che eravamo in difficoltà ci hanno letteralmente azzannato. E’ una gara che ci farà crescere molto sotto il profilo della gestione del match. Non si può giocare tutta la partita a cento all’ora, dobbiamo anche imparare a gestire le varie fasi dell’incontro”, la chiosa finale di Allegri.