Tra le tante virtù che la Juventus ha messo in mostra nell’ultimo lustro in cui ha fatto overdose di successi vi è indubbiamente la capacità di anticipare le antagoniste sul mercato e le esigenze future dell’organico. Nello specifico: con il trasloco, ormai quasi definitivo, di Rodrigo Bentancur al ruolo di interno di centrocampo, ecco che la necessità di un’alternativa a Pjanic nel medio-lungo periodo inizia a materializzarsi.

Non per la partenza del bosniaco, ovviamente. Pjanic è forse l’unico calciatore veramente insostituibile a disposizione di Max Allegri che lo sa bene e se ne priva lo stretto necessario. Pjanic, tra l’altro, ha appena 28 anni e pertanto ha ancora a disposizione molte stagioni da disputare ad altissimo livello. Magari facendo crescere sotto la sua egida il possibile erede. Il nome? Sandro Tonali, golden boy del Brescia fresco di convocazione in Nazionale A. Il classe 2000 sta impressionando tutti per continuità di rendimento e personalità. Cellino lo valuta 35 milioni e ne ha ben ragione visto il valore del ragazzo in continua ascesa. Per ora resterà a Brescia, ma la Juve lo ha opzionato. Sarà lui l’erede di Pjanic.