Juventus – Bernardeschi e Dybala, destini simili?

Federico Bernardeschi e Paulo Dybala potrebbero avere una storia simile. Entrambe i giocatori sono stati acquistati dalla Juventus per una cifra vicina ai 40 milioni (32 + 8 di bonus per La Joya) ed entrambe sono stati utilizzati con il contagocce durante il primo periodo di tempo. Un destino che in realtà sembra comune a tutti i giovani nuovi acquisti sotto la supervisione di Allegri (Morata incluso).

L’attaccante Argentino, nonostante le sue indiscutibili doti, ha dovuto fare un periodo di gavetta prima di essere schierato da titolare da Max Allegri. La storia sembra ripetersi anche quest’anno con Bernardeschi. Dopo alcuni spezzoni concessi, finalmente ha fatto la sua prima apparizione da titolare contro l’Atalanta segnando un gol al 21’ e servendo l’assist ad Higuain per il momentaneo 2 a 0, 3’ dopo.

Bernardeschi, può essere lui la nuova sorpresa della Juve?

Dopo il lancio di Bentancur, che ha ricambiato il tecnico con ottimi risultati, è proprio Bernardeschi il prossimo in rampa di lancio, con un minutaggio destinato a salire esponenzialmente dopo la pausa per le Nazionali.

Certamente, le abilità tecniche non gli mancano, come aveva già ampiamente dimostrato anche alla Fiorentina, con gol e assist spettacolari. Un altro punto a favore è la sua duttilità tattica, visto che può tranquillamente giocare sia come trequartista che come esterno. La concorrenza alla Juve però non manca, con molti attaccanti che scalpitano per un posto da titolare.

Bernardeschi deve ancora migliorare, ma promette molto bene

Il numero 33 della Juventus deve ancora migliorare molto. Si è visto anche contro l’Atalanta. Si, perché nonostante un ottimo impatto iniziale, la sua prestazione è calata (come quella della Juventus in generale). Però, il ragazzo è in gamba, volenteroso e disposto al sacrificio. Proprio per questo il giovane talento è destinato a brillare sempre di più.