Inter, Spalletti non ha paura di Cristiano Ronaldo: “Campionato deciso a Luglio? Dobbiamo dargli il nostro consenso…”

Spalletti nella prima conferenza stampa dell’anno parla sia della sua Inter sia del grande affare Ronaldo – Juve:  “Cristiano Ronaldo darà forza e visibilità alla Serie A, una volta il torneo migliore del mondo, chissà che lo torneremo ad essere. Per vincere non si puntava sull’indebolimento delle avversarie, ma ad essere la più forte di tutti. L’arrivo di Ronaldo fa fare un salto alla Juventus che tutti i club devono imitare per ridare vita a quel meccanismo di cui parlavo. Si tratta di un grandissimo calciatore e campione. In tutto questo, però, nessuno può farci sentire inferiori senza il nostro consenso, lo scudetto non è deciso a Luglio…”

Alla domanda se lotteranno per lo scudetto, Spalletti non si tira indietro: “Non mi chiedo se potremo fare bene, ma perché non dovremmo farlo. Questo fare bene che vuol dire? Essere in scia delle squadre più forti. Vogliamo esserci dentro fino in fondo, poi si tireranno le somme per quanto riguarda tutte le competizioni. Spero che riusciremo a fare una squadra di venti giocatori forti”

Spalletti parla degli addii di Rafinha e Cancelo: “Siamo dispiaciuti”

Spalletti è molto dispiaciuto degli addii dei due giovani, il primo tornato al Barcellona ed il secondo passata all’antagonista Juve: “sono andati via e mi è dispiaciuto. Erano dentro in tutto e per tutto. Purtroppo poi ci sono i paletti da rispettare che secondo me esistono giustamente. I regolamenti vanno conosciuti bene, quelle benedette plusvalenze vanno sempre monitorate. Non eravamo in condizione di opporci a queste partenze, ma vorremmo a entrambi sempre molto bene”