Chiellini polemico: “Il Guardiolismo la rovina dei difensori italiani”

“La rovina del calcio italiano e dei difensori è il Guardiolismo”. Diretto e schietto come al solito, Giorgio Chiellini si focalizza sul momento storico attraversato dal pallone del Belpaese che rischia l’onta di rimanere fuori dal Mondiale in Russia. Sarebbe un affronto per la Nazionale che vanta ben quattro titoli. La squadra di Ventura ha centottanta minuti di tempo per scongiurare quella che sarebbe una tragedia sportiva di dimensioni colossali.

Tornando nel merito delle dichiarazioni di Chiellini, ecco l’analisi sul motivo per il quale l’Italia non produce più difensori insuperabili come un tempo: “Ormai si pensa solo ad allargarsi, ad impostare il gioco dalle retrovie ma nessuno sa marcare. Quando ero ragazzo, mi insegnavano a sentire l’uomo ed a braccare l’avversario in area. Non fa parte del nostro DNA, la scuola italiana ha sempre prodotto difensori arcigni”.

Ancora Chiellini: “Ci sono giovani bravi come Rugani, Romagnoli e Caldara che hanno anche più esperienza internazionale di quella che avevo io alla loro età. Dobbiamo tornare alle origini, non ci servono solo talenti in attacco ma anche difensori di livello”.