Milan

Calciomercato Milan, Fassone: “Se Donnarumma ci ripensa siamo pronti a tenerlo”

Marco Fassone, amministratore delegato del Milan, ha parlato nel corso di un’intervista concessa al Corriere della Sera commentando le dichiarazioni di Mino Raiola:

“Minacce a Donnarumma? Noi tutti siamo addolorati per questi estremi che il calcio genera. Ci amareggiano questo tipo di reazioni. Come società abbiamo fatto di tutto per far capire a Gigio e alla sua famiglia il nostro desiderio di continuare con lui. Glielo abbiamo provato a trasmettere ogni volta che ci abbiamo parlato.

Tribuna? Nessuna minaccia. La nostra posizione è chiara: Donnarumma per la proprietà è incedibile, resterà qui a Milano. Per quanto riguarda la sua titolarità deciderà l’allenatore, per me può anche giocare tutte le partite. Intanto non possiamo rischiare, dobbiamo per forza cercare un altro portiere, non posso tenere un giocatore in scadenza, che magari pensa al Real Madrid. Il suo è un ruolo molto delicato. Devo assicurarmi di avere un portiere pronto, sereno, in ottime condizioni psicofisiche”.

Ultime Milan: tifosi contro Donnarumma

Fassone commenta la contestazione a parte dei tifosi del Milan:

“Potrebbe togliergli serenità, per esempio. Da quello che dice Raiola ora il ragazzo sembra molto inquieto. Nessuno ha mai messo in dubbio la legittimità della scelta. È perfettamente nelle norme. C’è amarezza per come è stata condotta la cosa. Si poteva arrivare allo stesso risulatato senza danneggiare la società, andandosene così ha fatto un danno di 100 milioni al Milan. Se Donnarumma vale così tanto lo deve al nostro coraggio.

Bastava che ci dicesse si non voler restare, avremmo rinnovato con una clausola rescissoria ragionevole. E se fosse arrivato il club più importante del mondo, anche questa estate, avrebbe dovuto pagare al Milan questa cifra. Quello che il Real non paga a noi lo paga al procuratore. Quei soldi dovevano essere investiti nel calcio italiano.

 

Aspettare? No, Gigio è in scadenza, io devo poter intervenire in tempo sul mercato. Hanno avuto due mesi per pensarci”.

Ultime Milan: Raiola ha dato la colpa al ds Mirabelli

Fassone ha poi parlato degli attriti da il ds del Milan Mirabelli e l’agente del calciatore Mino Raiola:

“Non esistono Mirabelli e Fassone, esiste solo la società, il Milan. Ogni mossa, ogni proposta, ogni telefonata è stata concordata con tutti i membri della dirigenza, non cerchino di mettere zizzania tra noi”.