La DIA di Napoli sta eseguendo in questi minuti delle misure di custodia cautelare nei confronti di Gabriele, Francesco e Giuseppe Esposito, tre fratelli residenti nel quartiere Posillipo di Napoli. Sono persone note a Napoli nel settore della commercializzazione e distribuzione di giocattoli, delle agenzie di scommesse, della ristorazione e proprietari di in un noto locale per serate danzanti ed eventi musicali.

Corriere della Sera e Repubblica riportano che la misura cautelare riguarda anche le mogli di due degli imprenditori e di un terzo indagato, un prestanome. Gli arrestati sono gravemente indiziati di intestazione fittizia di beni con l’aggravante di aver commesso il fatto al fine di agevolare le attività dei clan camorristici Contini e Sarno. Per questo motivo è in corso il sequestro di numerose attività commerciali a Napoli e nel casertano. Per il momento un bar in zona Chiaia, un’agenzia di scommesse in piazza Mercato, e una nota discoteca nella zona di Coroglio, la “Club Partenopeo”.

Gli inquirenti hanno confermato i rapporti (di amicizia) con i giocatori del Napoli: “Nella discoteca sequestrata c’è stata anche la festa recentemente organizzata dal portiere della squadra del Napoli, Pepe Reina, in occasione del suo saluto alla società. I fratelli Esposito grazie al loro elevato tenore di vita, frequentavano assiduamente calciatori della squadra del Napoli, nonché soggetti legati alla criminalità organizzata, con i quali non solo condividevano il tempo libero organizzando scommesse su partite di calcio, viaggi e serate nei più noti locali di Napoli venendo in contatto anche con gente del mondo dello spettacolo, ma dalla cui amicizia traevano anche benefici”.