Sentenza Morosini – condanne pesanti per medici

Modificato:

Sentenza Morosini – condanne pesanti per i medici di Pescara, Livorno e 118

A quattro anni dalla tragica scomparsa di Piermario Morosini, sfortunato calciatore del Livorno, arrivano finalmente le sentenze del processo di primo grado. Il giudice Laura D’Arcangelo del Tribunale monocratico di Pescara ha emesso pesanti condanne che già fanno discutere.

Un anno di reclusione per il medico del 118 di Pescara, Vito Molfese; otto mesi all’allora medico sociale del Livorno  Manlio Porcellini; otto mesi al medico del Pescara del 2012 Ernesto Sabatini. Per tutti, in quanto incensurati ed in attesa del secondo grado, la pena è sospesa. I tre medici sono stati anche condannati, insieme alla Azienda Sanitaria Locale di Pescara ed alla società Delfino Pescara, al pagamento di una provvisionale di 150mila euro. E’ l’esito del processo di primo grado che mira a far luce sulle responsabilità per la morte di Piermario Morosini, deceduto il 14 aprile 2012.

Il pubblico ministero Gennaro Varone aveva invece chiesto una condanna a due anni per Molfese e l’assoluzione, in quanto innocenti, per i medici Porcellini e Sabatini. L’avvocato di parte civile, per conto della sorella di Morosini, aveva chiesto un risarcimento danni complessivo di 330mila euro. Nella sentenza sono state evidenziate le carenze nelle procedure di soccorso ed il mancato uso del defibrillatore, nonostante ce ne fossero ben due in campo ed un terzo sull’ambulanza.