Pellè…non è per tutti! Il confronto è impietoso!

Modificato:

Pellè Italia Germania Video: che figuraccia e il confronto con Totti

I giocatori non si giudicano da un calcio di rigore, cantava De Gregori. Peccato che il modo con cui Graziano Pellè si è presentato sul dischetto, nel momento clou della serie dei rigori con la Germania, è da censurare.

L’attaccante, prima di calciare, ha irriso il portiere tedesco Neuer, mimando il gesto del cucchiaio. Peccato però che al gesto non siano seguiti i fatti e il pallone calciato dall’azzurro sia finito a lato.
A tutti sarà tornato alla mente Totti, nell’Europeo del 2000, in quella storica semifinale proprio contro gli Olandesi padroni di casa. Anche all’ora, seppur con una squadra diversa e piena di talento, l’Italia non parti’ con i favori del pronostico e fu costretta a una strenua resistenza terminata con la lotteria dei rigori. Ma questa è un’altra storia.
Totti nel 2000 non fece gesti plateali prima del tiro, facendo correre un brivido a tutti i tifosi italiani prima di farli esultare. Fermarci qui, però, sarebbe superficiale.
Se infatti si approfondisce la carriera di Pellè si scopre come l’attaccante azzurro non sia nuovo a questi gesti tecnici. La prima volta il cucchiaio lo fece nel 2005, in occasione del Mondiale Under20, nei quarti di finale contro il Marocco; quindi replicò due anni dopo, agli Europei Under21 contro il Portogallo. Più di recente lo ha fatto anche col Southampton. Motivo in più per mettere dei dubbi a Neuer che in allenamento, come tutti i portieri, avrà certamente studiato i giocatori incaricati di battere i rigori per l’Italia.
In fondo il calcio è strano, se quella palla fosse entrata, oggi tutti avrebbero tessuto le lodi dell’attaccante, senza scendere dal suo carro.

https://www.youtube.com/watch?v=Lo7tFEroEDA