Serie A – La moviola della terza giornata di Serie A

Modificato:

Serie A – La moviola della terza giornata del massimo campionato italiano

Analizziamo quelli che sono gli episodi dubbi e quelli corretti avvenuti nel corso della terza giornata di Serie A.

Pescara – Inter 1-2: Damato

Ottima gara da parte di Damato di Barletta. Unica timida protesta da parte dei giocatori di Massimo Oddo sul gol del vantaggio siglato da Icardi. Infatti il tocco di testa all’indietro di Acquilani innesca una carambola con Icardi che tocca il pallone prima con il piede destro e poi, forse, sfiora il pallone con la mano. Ovviamente il tocco, impercettibile, è assolutamente involontario e quindi non punibile. Giusti i gialli a Gyomber e Joao Mario.

Atalanta – Torino 2-1: Mariani

Mariani sbaglia subito sul calcio d’inizio. Pinilla, infatti, tocca la palla all’indietro ma così piano da doverla toccare una seconda volta. Mariani fa ripetere ma è una decisione sbagliata. Regolamento alla mano avrebbe dovuto assegnare un calcio di punizione indiretta al Torino. Per il resto buona gara per Mariani di Aprilia. Giusto non fischiare il fuorigioco di Paloschi sul gol di Masiello poichè l’ex Chievo Verona si trovava in posizione di fuorigioco passivo, quindi in una posizione ininfluente. Giusto anche il rigore che dà la vittoria all’Atalanta.

Bologna – Cagliari 2-1: Abisso

Primo tempo che si conclude serenamente e senza errori da parte di Abisso di Palermo. La ripresa si apre con le proteste di Rastelli (All. Cagliari) dopo l’espulsione di Storari. Il portiere si lancia in un tackle pericoloso andando a colpire Krejci sulla caviglia. Il pallone, che finisce sul petto del portiere ex bianconero, resta in gioco e, visto che Krejci non può più colpire il pallone verso la porta, scatta la chiara occasione da rete e rosso diretto.

Chievo – Lazio 1-1: Orsato

Ottima la gara disputata da Orsato di Schio. Giuste le ammonizioni comprese quelle arrivate nei minuti di recupero.

Genoa – Fiorentina 0-0 e sospesa per pioggia: Banti

Piove e tanto. Marassi non regge e Banti è costretto a sospendere la gara. Si riprenderà dal minuto 29 del primo tempo con i gialli di Tomovic e Veloso.

Milan – Udinese 1-1: Calvarese

Ottima la gara disputata da Calvarese di Teramo. Ottima fino al gol decisivo dell’Udinese con Perica. Poi il direttore di gara si spegne per un attimo. Il Milan infatti reclama un rigore che al replay sembra essere netto, infatti sul cross di Honda Angella affossa con il braccio Bacca pronto a colpire di testa. Manca il conseguente rosso per chiara occasione da rete.

Roma – Sampdoria 3-2: Giacomelli

Ciacomelli di Trieste, a mio avviso, è il migliore della giornata. Giusti i gol e le ammonizioni. Giusto anche sospendere la partita per circa 80 minuti per pioggia. Giusto anche riprendere la gara. Poi arriva la decisione più importante della gara. Nei minuti di recupero calcetto di Skriniar su Dzeko sulla caviglia sinistra. Danno procurato e rigore giustissimo. Giusto anche il rosso ad Alvarez per proteste a gara conclusa. Alcuni si lamentano, infine, del mancato giallo a Totti sul gol partita. Il capitano della Roma, infatti, segnata la rete che del 3-2 finale e si toglie la maglia. A termini di regolamento il giallo sarebbe dovuto essere obbligatorio. Tuttavia la partita termina nel momento in cui la palla varca la linea di porta, quindi giusto non ammonire.

Juventus – Sassuolo 3-1: Di Bello

Gara incerta per il direttore di gara. Giusto il gol del 3-0 siglato da Pjanic. Dybala in fuorigioco non tocca la palla e lascia la stessa al centrocampista bosniaco che segna la sua prima rete in bianconero. Mancano 2 rigori, uno per parte. Il primo per il fallo di Gazzola su Pjanic ma l’arbitro non vede il contatto, il secondo per fallo di mano in area di Chiellini sul colpo di testa di Iemmello.