Milan news, dai cinesi documenti falsi nella trattativa d’acquisto

Modificato:

Clamoroso Milan, dai cinesi documenti attestanti false garanzie bancarie

Quanto sta accadendo al Milan è a dir poco paradossale. La trattativa per il passaggio ad un importante gruppo cinese (di cui si sa poco o nulla, se non che alle spalle abbia addirittura il governo della Repubblica Popolare) potrebbe subire una brusca frenata. O addirittura saltare. Nonostante la caparra di 100 milioni di euro, cui dovrà far seguito un altro (robusto) bonifico necessario solo per completare il passaggio da Fininvest ai cinesi.

Quanto diffuso da Bloomberg Tv è clamoroso e sconcertante. Secondo il giornale economico, il gruppo cinese avrebbe presentato documentati bancari falsificati per attestare la propria solidità finanziaria durante i negoziati con la Fininvest. La fonte sarebbe Bank of Jiangsu, vale a dire l’istituto di credito il cui nome sarebbe stato riportato sui documenti forniti dalla cordata cinese. Che sarebbero falsi. La Sino-Europe Sports Investment Management Co. Changxing, la società che controllerà il Milan a closing ultimato, smentisce tutto e conferma l’interesse a chiudere velocemente l’operazione.

La stessa agenzia ANSA ha interpellato uomini vicini al presidente Berlusconi ed alla Fininvest che hanno confermato la solidità del gruppo cinese. Non ci sarebbe nessun intoppo, quindi. Staremo a vedere.