Hoolingans – Scontri e feriti prima di Inghilterra – Russia [VIDEO]

Modificato:

VIDEO HOOLIGANS – Inghilterra Russia è stata preceduta da scontri, incidenti e tafferugli tra le opposte tifoserie nel centro e nella periferia di Marsiglia. Ecco cosa è successo e i video.

Una Francia blindata per il pericolo terrorismo non è bastata per prevenire gli incidenti tra opposte fazioni a Marsiglia, dove gli ultras di ben 3 fazioni (Ultras Marsigliesi, Hooligans Inglesi e i “nuovi” ultras russi di Mosca) se ne sono date di santa ragione per due notti di fila in più punti della città.  Mitra, cani anti esplosivo e pericolo terrorismo non sono bastati per prevenire gli incidenti che hanno visto i tifosi inglesi, agnellini in Patria, essere i protagonisti. La cosa tristissima di questa vicenda è quello slogan, intonato varie volte dagli inglesi durante gli scontri: “ISIS, where are you?”. C’è altro da aggiungere?

La ricostruzione degli incidenti prima di Inghilterra Russia

E’ bastato davvero poco che la situazione degenerasse: qualche birra in più e via agli incidenti che hanno avuto come armi principali bottiglie, sedie e tavoli. La polizia è intervenuta caricando entrambe le fazioni con gas lacrimogeno e manganelli ma non è stato per nulla facile sedare le risse. Due inglesi e un francese arrestati. La Gazzetta dello Sport di stamattina riporta un’intervista ad un poliziotto che, però, scagiona gli inglesi: “Questa purtroppo è Marsiglia, una città difficile che si conferma tale. Gli inglesi non sono agnellini ma sono stati provocati dagli ultras marsigliesi che hanno una realtà davvero difficile, loro stanno creando i veri problemi.”

A Marsiglia la storia si ripete: ancora protagonisti gli Hoolingas

A Marsiglia, nel lontano 1998 prima di Inghilterra – Tunisia ci furono gravi scontri proprio a Marsiglia tra gente locale composta da tunisini, algerini e marocchini contro i vecchi hooligans, prima molto più pericolosi di quelli visti in azione ieri che, tolto l’alcool, sarebbero comunque facilmente contenibili dalle forze dell’ordine.

ECCO I VIDEO: