Calciopoli – Luciano Moggi risponde a Ronaldo

Modificato:

Luciano Moggi dalle pagine di Libero, dove scrive settimanalmente, ha voluto rispondere a Ronaldo sul tema calciopoli. Argomento molto caro all’ex direttore generale della Juventus. Ronaldo, prima di Inter-Sampdoria, partita alla quale ha assistito dalla tribuna di San Siro, era tornato sul tema Calciopoli. Il Fenomeno ha dichiarato di sentire suoi gli scudetti che la Juve conquistò sul finire degli anni ’90, quelli per intenderci dello scontro con Iuliano.

Moggi non ha saputo trattenersi ed ha risposto quanto segue: “Ronaldo, dopo il passaggio al Milan ha ricevuto tantissimi fischi dai suoi ex tifosi nerazzurri. Pur di rendersi nuovamente simpatico a questi è tornato a recitare il copione di Calciopoli, evidenziando l’onestà della sua ex squadra. Mi sa che Ronaldo non è stato avvisato dal tribunale di Milano che il suo ex presidente, tale Giacinto Facchetti faceva lobbing con gli arbitri“.

Moggi parla inoltre anche del caso Totti. La sua opinione, come al solito, è molto particolare. “Nella carriera di ogni calciatore arriva quel momento in cui devi capire di attaccare le scarpette al chiodo. Se non lo capisci da solo, te lo deve far capire la società, se non lo fa la società lo deve fare l’allenatore